Sei un appassionato della natura?
Vuoi saperne di più sul mondo dei funghi?
Vuoi conoscere persone con il tuo stesso interesse?

Unisciti a Noi!
Ci trovi tutti i martedì dalle 21 alle 23 nella nostra sede
in via Bellini, 15 a Cecina - LI
  info@gruppomicologicocecinese.it - gruppomicologicocecinese@pec.it
foto_5

Micologia - Microscopia Studio Schede Funghi

Micologia - Microscopia Studio Schede Funghi


Calocybe gambosa  (Fr.) Donk  1962
Esemplari in ambiente
Esemplari in ambiente
Esemplari in ambiente
Cappello/Carpoforo: Diametro fino a 10 cm, emisferico, convesso ed infine appianato, color nocciola chiaro o crosta di pane, liscio, con il margine involuto avente cuticola facilmente staccabile.
Imenoforo: Lamelle smarginate al gambo oppure sinuoso-uncinate, fitte, con lamellule intercalate, bianche tendenti al crema negli esemplari adulti, con filo irregolare.
Stipite: Alto fino a 7-8 cm, sodo, bianco, massiccio, tozzo ed assottigliato alla base.
Carne: Molto soda e compatta, bianca con odore e sapore di farina lievitata marcati ma gradevoli.
Ambiente: È un fungo saprofita che nasce da aprile a maggio nei prati o ai margini del bosco. Lo si trova di sovente tra i cespugli di piante spinose come il biancospino, la rosa canina, il ginepro e il prugnolo. In alcune parti d'Italia viene chiamato anche con il nome di Spinarolo.
Microscopia: Spore bianche, lisce, ellittiche, 4-6 x 3-4 µm, basidi clavati, tetrasporici, con giunti a fibbia 17-22 x 4-5 µm. Lo studio microscopico di questa specie non offre significative caratteristiche microscopiche identificative della specie che invece risulta facilmente riconoscibile dalle caratteristiche macroscopiche e dal periodo di fruttificazione.
Prugnolaia con tipica colorazione dell'erba
Ambienti collinari ricchi di prugnolaie
Esemplari tra l'erba della prugnolaia
Commestibilità: Commestibile. Ricercato.
Note: Ottimo commestibile ricercato ed apprezzato in tante zone d'Italia ove si celebrano sagre dedicate a questa specie.Entoloma Clypeatum, entoloma primaverile commestibile, nasce da gennaio ad aprile negli stessi ambienti associato con essenze arboree delle Rosaceae (Melo, Pero, Ciliegio oppure agli Olmi o al Prugnolo selvatico), odore e sapore gradevoli di farina ma con sporata rosa. Si ricorda che tale specie può essere raccolata se avente un diametro superiore ai 2 cm ma si consiglia la raccolta con esemplari di maggiore dimensioni al fine di garantire la corretta sporulazione della specie ed il mantenimento delle nascite annuali.
Indagini Molecolari: Non effettuate.
Raccolto di una escursione
Reazioni Macrochimiche: Non effettuate.
Esemplari in ambiente
Esemplari in ambiente
Esemplare in ambiente
News:
Autore Scheda: Andrea Cristiano   Autore Foto: Andrea Cristiano

Nota bene e raccomandazioni
I DATI RIPORTATI NELLA PRESENTE SCHEDA DERIVANO DALLO STUDIO MACROSCOPICO E MICROSCOPICO DEL FUNGO RACCOLTO DALL’AUTORE CONSULTANDO LA LETTERATURA DI SETTORE DISPONIBILE.GLI STESSI DATI VENGONO PUBBLICATI AI FINI DIVULGATIVI ED IN PARTICOLARE PER LA COMMESTIBILITA’ CHE, RICORDIAMO, PUO’ ESSERE DICHIARATA SOLO DALL’ISPETTORATO MICOLOGICO DELLA ASL O DA MICOLOGI ISCRITTI ALL’ALBO NAZIONALE, IL GRUPPO MICOLOGICO CECINESE E GLI AUTORI DELLE MEDESIME SCHEDE DECLINANO OGNI RESPONSABILITA’ DERIVANTE DA UN INAPPROPRIATO COMPORTAMENTO DI TERZI IN MERITO AL CONSUMO DEI FUNGHI.